Massimale assicurazione: cos’è, a cosa serve e a quanto ammonta

Massimale assicurazione

Tutti, chi più e chi meno, abbiamo sentito, in diverse circostanze, il termine “massimale”. Quando poi si va a stipulare una qualsiasi polizza assicurativa, durante la stipula del contratto, si verrà avvertiti del massimale che viene ricoperto dalla propria assicurazione.

Il massimale di un’assicurazione a cosa serve

Usando termini più consoni e facili da capire spieghiamo esattamente quale e cosa sia il massimale. Si tratta di una responsabilità civile che è attribuita all’assicurazione, quindi alla compagnia assicurativa, in base ad un contratto stipulato con un cliente. Quest’ultimo paga un canone mensile o anche annuale per mantenere la polizza. In caso si danni a terze persone o proprietà altrui, ecco che si ha la possibilità di risarcirlo con un massimale di danno.

Semplificando: si fa un incidente con l’auto dove la responsabilità è nostra? La nostra assicurazione risarcisce totalmente il danno in caso di sinistri da parte del cliente.

Perché fare una polizza assicurativa?

Ovviamente non esiste un massimale solo per quanto riguarda i sinistri di auto, moto, veicoli commerciali o a motore. Oggi come oggi ci si tutela con diverse polizze che sono rivolte alla propria vita, pensione, lavoro e famiglia.

Molti, anche tanti giovani che non hanno la sicurezza di ricevere, nel futuro, una pensione utile a sostenere un buon tenore di vita, stipulano delle assicurazioni di pensionamento. Lo stesso vale per quanto riguarda eventuali problemi di salute.

Ecco che anche questi hanno dei massimali. Facendo un esempio molto semplice possiamo dire che un papà stipula una polizza sulla vita, poi questo soggetto di ammala o muore in un incedente stradale, la famiglia ha diritto di avere il massimale dell’assicurazione.

Ciò permette di avere anche una base economica per la famiglia che è rimasta priva del sostegno principale dato dalla figura genitoriale. Ogni polizza possiede comunque un massimale che viene deciso in base al canone versato.

Quanto ammonta il massimo da richiedere

Per quanto riguarda la cifra massima che la compagnia assicurativa dovrà versare, fino a qualche anno fa, si aggirava su 750.000 euro. Tuttavia, l’aumento del costo della vita nel corso degli anni, tale cifra non era sufficiente per danni patrimoniali o anche in caso di sinistri gravi.

Ad oggi sono modificate le cifre. Il minimo è di 1 milione di euro e il massimale di 5 milioni di euro. Ovviamente viene sempre preso in considerazione la tipologia di polizza assicurativa e anche quale sia stato il canone versato nei mesi o negli anni.

 

Di Maria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *